22-23 marzo 2014: giornate Fai di primavera

Domani entra finalmente la primavera e con le belle giornate di questo weekend, anche se non c’entra molto con il tema del sito, vi consiglio di esplorare i luoghi vicini a voi, ma che, per una ragione o l’altra, non avete ancora visitato. Il viaggio, infatti, non è solo esotismo, ma è soprattutto scoperta. A volte delle cose più semplici e nascoste a cento metri da casa. Ecco un consiglio tratto dal sito giornatefai.it.

Sabato 22 e domenica 23 marzo 2014 avrà luogo la ventiduesima edizione delle Giornate FAI di Primavera, grande festa popolare che dalla sua prima edizione a oggi ha coinvolto oltre 7.000.000 italiani e che quest’anno vedrà l’apertura straordinaria di oltre 750 luoghi in tutte le regioni d’Italia, con visite straordinarie a contributo libero.

Un grande spettacolo di arte e bellezza dedicato a tutti coloro che hanno a cuore il patrimonio culturale e ambientale italiano, che avrà come protagonisti centinaia di siti particolari, spesso inaccessibili e che eccezionalmente potranno essere ammirati dal pubblico durante il weekend delle Giornate FAI di Primavera.

Quest’anno le Giornate FAI di Primavera sono dedicate all’imperatore Augusto nel secondo millenario della sua morte. Tra le 750 aperture in tutte le regioni d’Italia, 120 aperture racconteranno la sua storia.

Questo omaggio ad Augusto è a oggi l’unica manifestazione nazionale che avrà al centro l’opera di rifondazione dello stato imperiale nei suoi vari aspetti evitando di ridurre un uomo politico poliedrico a un mero mecenate dell’arte. Una dedica all’uomo che ha segnato una pausa nella vorticosa espansione dell’Impero Romano, pausa che gli ha consentito di ristrutturarlo e di farlo rinascere. E Roma è diventata una grande capitale, posta al centro del cuore dell’Impero. La storia non sempre si ripete, ma da essa possiamo trarre ispirazione per la rinascita del nostro Paese.

Come gli anni scorsi anche in questa edizione gli iscritti e chi si iscriverà durante le Giornate di Primavera potranno godere di visite e corsie esclusive, perché iscriversi al FAI è un gesto civile e al tempo stesso un “privilegio”.

In numerose città verranno inoltre riproposte, nell’ambito del progetto Arte. Un ponte tra culture”, le visite guidate per cittadini di origine straniera, che verranno effettuate in diverse lingue in base alle diverse cittadinanze di stranieri presenti.

Anche quest’anno il FAI propone in tutta Italia curiosità e itinerari culturali: aree archeologiche, percorsi naturalistici, borghi, giardini, chiese, museicastelli che per due giorni saranno a disposizione di tutti i cittadini che desiderino visitarli, oltre a escursioni e biciclettate. Circa il 40% dei beni aperti sono fruibili da persone con disabilità fisica. I visitatori potranno avvalersi anche quest’anno di guide d’eccezione: saranno, infatti, oltre 22.000 gli Apprendisti Ciceroni®, giovani studenti che illustreranno aspetti storico-artistici dei monumenti.

Per vedere l’elenco dei luoghi aperti in tutta Italia cliccate qui.

 

Pubblicità

Se chiudi col razzismo ti si apre un mondo – 17/23 marzo 2014

banner unar

Il 21 marzo si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale contro il Razzismo, indetta dalle Nazioni Unite in ricordo del massacro di Sharpeville del 1960. L’UNAR organizzerà dal 17 al 23 marzo la X edizione della “Settimana di azione contro il razzismo“. L’iniziativa prevede il lancio di una campagna di sensibilizzazione, di informazione e di approfondimento all’insegna dello slogan “Se chiudi col razzismo ti si apre un mondo“, con I’obiettivo di diffondere ed accrescere una coscienza multietnica e multiculturale nell’opinione pubblica.

I giovani della Rete Near, in collaborazione con l’ Unar, promuovono come ogni anno una serie di iniziative per stimolare l’informazione e un’ampia riflessione sui temi del contrasto ad ogni forma di razzismo e xenofobia.

Durante la Settimana sono previste iniziative nel mondo della scuola, delle università, dello sport, e della cultura con l’obiettivo di coinvolgere I’intera opinione pubblica e di sostenere e promuovere la ricchezza derivante da una società multietnica e multiculturale.

A tal proposito, in occasione del decennale, vi chiediamo di compiere un semplice gesto durante il 21 marzo, la Giornata Mondiale contro il razzismo, che testimoni I’adesione alla campagna, ovvero colorare di arancione (colore dell’Unar e, da quest’anno, della campagna) la propria città. Chi lo vorrà potrà aderire anche singolarmente, indossando un capo di abbigliamento, o appendendo un lenzuolo alla finestra, di colore arancione.

Di seguito solo alcune proposte che le associazioni potranno portare avanti, anche in sinergia con l’impegno dei comuni o degli istituti scolastici del territorio:

  • Partecipazione alla campagna dipingi di arancione la tua città

Per il 21 marzo i Comuni sono invitati a colorare di arancione la città, colorando, ad esempio, di arancione le lampadine di alcuni lampioni delle piazze o strade principali della città o illuminando i monumenti più importanti con fari arancioni o esponendo una bandiera dello stesso colore dal palazzo municipale.

  • Stracittadina contro il razzismo

Nella domenica di apertura o chiusura della Settimana, i comuni/associazioni potranno promuovere delle corse o passeggiate amatoriali, con percorsi di 3 o 5 km, invitando la cittadinanza a partecipare indossando magliette di colore arancione.

  • Rassegna cinema antirazzista

Mettere a disposizione una sala cinematografica pubblica dove, nel corso della giornata, proiettare film che trattano tematiche legate all’antirazzismo. Sul sito Unar trovate indicazioni di alcuni titoli.

  • Iniziative in collaborazione con le comunità straniere

Promozione di eventi che favoriscano la conoscenza di usi e costumi delle comunità straniere presenti nel comune attraverso l’organizzazione di stand gastronomici e iniziative culturali in piazza.

Ovviamente questo è un piccolo spunto. Le vostre idee, anche le più varie, saranno tutte ben accolte! Perciò non resta che mettere a lavoro la vostra creatività e sbizzarritevi!

Per saperne di più, visita il sito dell’ Unar.

Per inviarci la tue proposte ed iniziative da realizzare su tutto il territorio nazionale durante la settimana, inviaci una mail a info@retenear.it con la tua  Scheda adesione.

tratto da retenear.it

Giornata mondiale della poesia: Roma celebra i poeti d’Europa

 Il 21 marzo prossimo Roma sarà teatro di un eccezionale evento dedicato alla poesia europea contemporanea: letture poetiche in lingua originale nella cornice suggestiva dell’Accademia di Ungheria in Roma e la possibilità di incontrare gli autori presso la Casa delle Letterature.

 

In occasione della Giornata mondiale della poesia, il polo romano della rete degli Istituti di cultura dell’Unione europea (EUNIC) organizza, in collaborazione con la Casa delle Letterature dell’Assessorato alla cultura, creatività e promozione artistica di Roma Capitale, la Federazione Unitaria Italiana Scrittori e l’Antenna della Traduzione della Commissione europea, un evento ambizioso per rendere omaggio alle poetiche e alle lingue europee.

PROGRAMMA

Ore 17:30 – CASA DELLE LETTERATURE, Piazza dell’Orologio, 3 – Roma

L’Europa dei poeti. I poeti italiani Daniela Attanasio e Paolo Febbraro incontrano i poeti europei. Modera Maria Ida Gaeta. In italiano con traduzione consecutiva in lingua inglese.

Ore 20:00 – ACCADEMIA D’UNGHERIA A ROMA, Via Giulia, 1 – Roma

L’Europa in versi. Letture poetiche di Karl Lubomirski (Austria), Ekaterina Josifova(Bulgaria), Sarah Zuhra Lukanić (Croazia), Ulrike Draesner (Germania), Tomaso Binga(Italia), Wojciech Bonowicz (Polonia), José Tolentino Mendonça (Portogallo), Petr Borkovec (Repubblica Ceca), Daniela Crăsnaru (Romania), Katarína Kucbelová (Slovacchia),Dušan Šarotar (Slovenia), Zingonia Zingone (Spagna), Sándor Kányádi (Ungheria). Letture in lingua originale con traduzione in italiano su schermo.

Un duplice appuntamento nel pomeriggio, presso la Casa delle Letterature, si terrà una tavola rotonda durante la quale i poeti italiani Daniela Attanasio e Paolo Febbraro incontreranno i poeti europei partecipanti. La sera, presso l’Accademia di Ungheria in Roma, tredici poeti provenienti da altrettanti paesi europei leggeranno una selezione delle proprie opere in lingua originale (sarà proiettata su schermo la traduzione in italiano). Tutti e due gli appuntamenti avranno la moderazione di Maria Ida Gaeta.

L’evento, che ha ottenuto il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, è stato ideato e organizzato dai membri della rete EUNIC: Forum austriaco di Cultura, Istituto bulgaro di cultura, Centro ceco, Ambasciata della Repubblica di Croazia, Goethe-Institut, Istituto polacco di Roma, Ambasciata di Portogallo a Roma, Istituto slovacco a Roma, Accademia di Romania in Roma, Ambasciata della Repubblica di Slovenia, Instituto Cervantes Roma e Istituto Balassi – Accademia d’Ungheria in Roma.

Istituita dall’UNESCO nel 1999 e celebrata a partire dal 2000, la Giornata Mondiale della Poesiarende omaggio e riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace. Come ha dichiarato Irina Bokova, Direttrice generale dell’UNESCO, “la poesia è una delle espressioni più pure della libertà linguistica. È un elemento fondante dell’identità dei popoli e incarna l’energia creativa della cultura, nella sua facoltà di rinnovarsi incessantemente”.

Entrambi gli eventi sono a ingresso libero fino ad esaurimento posti.

tratto da casadelleletterature.it

Per altri eventi legati alla giornata mondiale della poesia 2014 clicca qui.

A Bologna la Children’s Book Fair

Bologna Children's Book Fair Dal 24 al 27 marzo un evento da non perdere per tutti coloro che si occupano di contenuti culturali per ragazzi

Alla Fiera del Libro per Ragazzi sono ammessi unicamente gli operatori del settore: editori, autori, illustratori, traduttori, agenti letterari, business developer, licensor e licensee, packager, stampatori, distributori, librai, bibliotecari, insegnanti, fornitori di servizi editoriali.

Quest’anno il paese ospite della Fiera è il Brasile con lo slogan “Un paese pieno di voci” per svelare la diversità e la ricchezza della letteratura per bambini e ragazzi di un paese grande come un continente.

L’illustrazione brasiliana colorerà l’area centrale dedicata alla Mostra delle opere del paese ospite, dove verranno presentati gli artisti selezionati dalla giuria brasiliana incaricata di scegliere le espressioni più rappresentative.

Un intenso programma letterario e culturale sarà proposto da una delegazione d’importanti autori e illustratori brasiliani che animeranno letture pubbliche, conferenze e altre attività tanto in fiera che in città, nelle biblioteche, musei, librerie e all’Università.

Oltre a questo tante altre iniziative anche rivolte a traduttori. Cliccate qui!

Per il programma della Children’s Book Fair cliccate qui e buon divertimento 🙂

 

“Istanbul, in viaggio con me” a Roma dal 13 al 21 marzo

“Istanbul, in viaggio con me”, la mostra di Mercan Fröhlich-Mutluay a Roma dal 13 al 21 marzoIl fascino itinerante di una città come Istanbul, colto dagli occhi di chi sa raccontarla per immagini nella sua veste più naturale, senza contaminarla con ritocchi di alcun genere e valorizzandone ogni aspetto. E’ questo lo sguardo dell’artista turca Mercan Fröhlich-Mutluay, che dal 13 al 21 marzo esporrà la mostra fotografica “Istanbul, in viaggio con me”, presso le sale espositive dell’Ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Turchia a Roma in Piazza della Repubblica 55-56, in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica di Turchia.

Nata a Kargi, un distretto della provincia di Çorum, in Turchia, Mercan Fröhlich-Mutluay, è cresciuta in Germania dove si è laureata in Biologia e attualmente vive in un’altra straordinaria città: Roma. E proprio da Roma ha mosso i primi passi con la macchina fotografica, alla ricerca di scatti ed emozioni in cui potesse, in un certo senso, trovare sé stessa. Vivendo vicino a San Pietro i soggetti non le sono mancati, così tra uno scatto e l’altro, giorno dopo giorno,  la città eterna le ha fornito preziosi elementi per il suo percorso professionale, culminato poi in un viaggio a Istanbul che ha ulteriormente arricchito la sua formazione.

La mostra è infatti il frutto del viaggio che Mercan ha fatto nella città turca dal 27 dicembre al 6 gennaio scorso, durante il quale ha fissato  con il suo obiettivo, istanti di vita di uno dei luoghi più affascinanti del mondo.

Agevolata dagli studi scientifici che hanno probabilmente alimentato la sua capacità di analisi e di osservazione nei confronti del mondo che la circonda, gli occhi di Mercan, sono abilmente allenati a cogliere tutti gli aspetti della metropoli, le bellezze, le imperfezioni, il peso e la grandezza della storia, ma anche le piccole cose, la quotidianità, la gente in preghiera in una moschea, aspetti che l’artista offre allo spettatore così come sono nella realtà, senza tradirlo con effetti speciali. Nasce e finisce nello scatto ciò che colpisce il cuore e l’obiettivo di Mercan, è tutto contenuto in esso, per questo non c’è bisogno di ritoccarlo, ma nulla è banale e tutto può catturare la sua attenzione, già durante il percorso per arrivare al luogo prescelto per gli scatti. Il lavoro di Mercan infatti, si avvale anche di foto realizzate “strada facendo”, proprio in funzione di questo suo dare importanza anche agli aspetti apparentemente meno importanti.

E tutto questo Mercan Fröhlich-Mutluay, vuole condividerlo con il suo pubblico in questa mostra che inaugurerà il 12 marzo, con tutta l’energia che la caratterizza, perché, luoghi, foto, emozioni, riflettono la vita di ciascuno di noi.

Articolo di Katia Cerratti

tratto da arabpress.eu

Poesie contro l’oblio: letture poetiche per Mahmoud Darwish

Il 13 marzo in 11 città italiane si svolgerà un reading collettivo delle poesie del poeta palestinese Mahmoud Darwish per sensibilizzare il pubblico italiano sulla “scomparsa” dei libri di poesie di Darwish dagli scaffali delle librerie italiane (ma per fortuna non da quelli delle biblioteche) da quando la principale casa editrice che li pubblicava, la Epoché di Milano, ha chiuso i battenti ad inizio del 2013.

Perché proprio il 13 marzo? Perché è il giorno in cui è nato Mahmoud Darwish, a Birwa, in Palestina.

 

 

 

 

 

PROGRAMMI DELLE VARIE CITTA’

Bari – presso l’Officina degli Esordi, via Crispi 5, ore 18.30

In collaborazione con l’Officina degli Esordi

PROGRAMMA

Con la partecipazione di:

Nabil Salameh, voce e autore dei Radiodervish
Aldo Nicosia e Caterina Pinto (docenti di lingua e letteratura araba presso l’Università degli Studi di Bari)
Silvia Moresi (arabista e docente di lingua araba)
Paola Rotolo (dottoranda di ricerca presso l’Università degli Studi di Bari).

Due MOSTRE FOTOGRAFICHE faranno da sfondo all’evento:

– “Ahlan wa Sahlan/Siete i Benvenuti” – del fotografo Dario Gambino, promossa da CTM Onlus – che vuole offrire uno sguardo dall’altra parte del Mediterraneo, nelle abitazioni delle famiglie palestinesi del campo profughi di Nahr al Bared nel nord del Libano;
– “Al di là del muro” – mostra realizzata dai volontari di Kenda Onlus.

Il reading è aperto a chiunque voglia leggere in un pubblico una poesia di Mahmoud Darwish (ara/it)! Inviate le vostre proposte entro il 3 marzo (titolo della poesia e libro da cui è tratta) a: pao.rotolo@gmail.com

Info evento: moresisilvia@gmail.com

Evento Facebook

__________________________________________

Cagliari – presso ITACA CAFE’, via Tigellio 30, ore 19.30

In collaborazione con Wasim Dahmash, Università di Cagliari.

Introduzione di Wasim Dahmash e Pamela Murgia; reading a cura di Monica Serra e intermezzi musicali di Marco Ammar.

Evento inserito all’interno della Cagliari-Israeli Apartheid Week 2014 (X edizione della Settimana contro l’Apartheid israeliano).

Evento Facebook

_____________________________________

 Firenze – presso la Biblioteca delle Oblate, Sala delle Conferenze, Via dell’Oriuolo 26, ore 21.00

In collaborazione con l’Associazione Amicizia Italo-Palestinese Onlus e l’associazione Laboratorio Nuova Buonarroti.

Letture recitate arabo/italiano di Hakam Malky (arabo) e Cecilia Gallia (italiano); interventi di: Mahmud Hamad Said, presidente Associazione Amicizia Italo-Palestinese Onlus, Hakam Malky, traduttore di testi dell’antologia In un mondo senza cielo, Souzan Fatayer, esperto collaboratore linguistico di lingua araba, Università di Firenze – Centro Ateneo.

Evento Facebook

_________________________________________

Macerata – presso la Libreria Scaramouche, Piazza Mazzini 63/C, ore 18

In collaborazione con la Libreria Scaramouche e Maria Elena Paniconi, docente di letteratura araba dell’Università di Macerata.

PROGRAMMA

 Letture delle poesie di Mahmoud Darwish in arabo/italiano a cura di: Danny Antonello, Kalthoum Ben Soltane, Renata Morresi, Maria Elena Paniconi.

 A seguire, aperitivo con pasticceria araba e té alla menta!

Evento Facebook

__________________________________________

Messina – presso Sabir, via Catania 62, ore 17.30

In collaborazione con l’Associazione Sabir e la casa editrice Mesogea

PROGRAMMA

– ore 17.30:” letterepazze” – laboratorio aperto per bambini sull’alfabeto arabo (dai 6 anni in poi)

– ore 18.30: percorso di immagini e letture in arabo e in italiano delle poesie di Darwish, con interventi musicali di Faisal Taher, musicista palestinese, voce dei Dounia

– ore 20.30: cena araba (su prenotazione: costo cena 7,00 euro)

Per informazioni e prenotazioni: tel. 0902936373; cell. 329 8164320 | www.sabirblog.com |facebook: SabirMessina

Evento Facebook

__________________________________________

Milano – presso il Teatro Tommaseo, piazza Tommaseo 1, ore 19

In collaborazione con l’ Associazione Barzakh cultura e cooperazione

PROGRAMMA

Introduzione a cura di Jolanda Guardi e Giacomo Longhi

Letture in lingua araba del poeta Khaled Soliman Al Nassiry
Letture in lingua italiana di Silvia Rigon, attrice e regista

Letture in arabo, inglese, francese e tedesco a cura degli studenti del Liceo Linguistico Tommaseo-Marcelline

Laboratorio di traduzione intersemiotica aperto a tutti

Al pianoforte Riccardo Rijoff

Evento Facebook

__________________________________________

Napoli – presso il Ristorante arabo Amir, via di Santa Chiara, ore 21

Evento organizzato dalla comunità palestinese di Napoli

PROGRAMMA

Lettura delle poesie in arabo/italiano con Mohammad Bakri, regista palestinese e Dalal Suleiman, attrice

Cena palestinese (su prenotazione e a pagamento)

Info: omar.suleiman@hotmail.it

Evento Facebook

__________________________________________

Roma – presso la Libreria Griot, via di Santa Cecilia 1/a, ore 19

PROGRAMMA

Introduzione e presentazione dell’iniziativa a cura di Chiara Comito, Arabismo

Letture poetiche arabo/italiano (a cura di Arabismo&al.)

Viaggio nella poetica di Mahmoud Darwish a cura di Simone Sibilio, docente di letteratura araba presso la LUISS Roma ed esperto di letteratura palestinese

Con la partecipazione straordinaria del Comitato italiano UNRWA, Agenzia ONU per i rifugiati palestinesi, che presenterà:

→ esposizione di una selezione di foto dell’archivio storico UNRWA patrimonio dell’UNESCO che raccoglie le immagini della vita dei rifugiati palestinesi dal 1948 ad oggi;
→ proiezione del video: “The Road to Silverstone – Dreams Come True” a cura di R. Tognazzi per UNRWA Italia

Il reading è aperto a chiunque voglia leggere in un pubblico una poesia di Mahmoud Darwish (ara/it)! Inviate le vostre proposte entro il 3 marzo (titolo della poesia e libro da cui è tratta) a: chiara.comito@arabismo.org

Evento Facebook

__________________________________________

Salerno – presso il CSA Jan Assen, uscita Tangenziale via Irno, ore 20

Evento organizzato dal Collettivo Handala

PROGRAMMA
Letture prestabilite in lingua italiana e araba
Intermezzi musicali
Mostra fotografica

Il reading è aperto a chiunque voglia leggere in un pubblico una poesia di Mahmoud Darwish (ara/it)! Inviate le vostre proposte a: collettivohandala@gmail.com

Evento Facebook

__________________________________________

Torino – presso il centro Dar al Hikma, via del Fiochetto 15

In collaborazione con l’associazione Jawhara, Equilibri d’Oriente e il centro dar al Hikma

PROGRAMMA

Reading a cura di Equilibri d’Oriente con intermezzi musicali, video e teatro in omaggio al grande poeta palestinese. Interviene lo scrittore Younis Tawfik.

A seguire cena araba su prenotazione presso il Ristorante AL ANDALUS.

INFORMAZIONI

Email: equilibri.oriente@gmail.com – jawhara.italialgeria@gmail.com | DAR AL HIKMA: Tel. 0115215111

Evento Facebook

__________________________________________

Venezia – presso la Biblioteca della Fondazione Querini Stampalia Onlus, Santa Maria Formosa, Castello 5252, ore 17.30

Buon compleanno Mahmudh! In collaborazione con il Master MIM (Mediazione Inter-Mediterranea) dell’Università Cà Foscari; evento inserito all’interno della rassegna “Omaggio di poesia/14” della Fondazione Querini Stampalia.

Reading poetico multilingue a cura degli studenti del MIM 2013/2014

Info: mim@unive.it

Evento Facebook

_____________________________________

LE BIBLIOTECHE ITALIANE PER MAHMOUD DARWISH

In occasione di Poesie contro l’oblio. Letture poetiche per Mahmoud Darwish il 13 marzo presso la Biblioteca Cabral di BOLOGNA, la Biblioteca Delfini di MODENA, la Biblioteca VEZ di MESTRE e la Biblioteca della Fondazione Querini Stampalia di VENEZIA verranno realizzate delle installazioni multilingue dei libri di Darwish all’interno degli spazi espositivi delle biblioteche. In alcune inoltre ci saranno delle postazioni video che manderanno “in loop” i video in cui il poeta declama le sue poesie.

___________________________________

Ufficio stampa iniziativa italiana: chiara.comito@arabismo.org

tratto da arabismo.org

15 marzo 2014: a Torino il Freelance Day

FREELANCEDAY_FBTutto il bello del Freelance in una giornata di incontri, talk e workshop

Rappresentiamo la parte più dinamica e innovativa del lavoro in Italia. Abbiamo bisogno di aggiornarci continuamente e di strumenti innovativi per rafforzare la nostra capacità di auto-organizzazione e le nostre reti di contatti. Facciamo tutti lavori differenti, ma ci accomunano il desiderio di libertà, l’indipendenza e la fiducia nelle nostre competenze. Siamo tutti diversi, ma in fondo uguali.  Siamo freelance.

Siamo web designer, traduttori, maker, giornalisti, sviluppatori, grafici, formatori, copywriter, progettisti, creativi, organizzatori di eventi, consulenti, professionisti dei media, della finanza, della cultura e dello spettacolo. Siamo sempre di più e il nostro impatto sulla società è sempre più evidente. Siamo manager di noi stessi e quindi multidisciplinari per definizione e dobbiamo essere sempre connessi con ciò che di nuovo accade nel mondo.

Ecco perché lo scambio di competenze è al centro del Freelance Day: workshop su processi di lavoro e metodi organizzativi, incontri “how-to” per mettere in comune le capacità trasversali sviluppate nel proprio lavoro; momenti di riflessione sulle possibili forme di aggregazione per la tutela dei diritti.

Toolbox Coworking e ACTA si uniscono nell’organizzazione del Freelance Day perché si occupano di due facce della stessa medaglia: il coworking abilita e mette in rete le competenze di ognuno, ACTA attraverso azioni collettive punta a modificare il contesto generale e il quadro normativo per veder riconosciuti i diritti di tutti i freelance.

Per info sul programma della giornata clicca qui.

tratto da http://toolboxoffice.it/freelanceday/

Linee guida per contrastare i matrimoni forzati: un convegno a Bologna

Ragazze che vengono dal Pakistan, India, Bangladesh, Sri Lanka, Tunisia e Albania: hanno dai 17 ai 24 anni e spesso vengono costrette a sposarsi contro la loro volontà, anche in Italia. Un convegno sul tema per spezzare l’omertà.

Convegno conclusivo del progetto “Contrasto ai matrimoni forzati in Provincia di Bologna: agire sul locale con prospettiva internazionale”, realizzato da Trama di Terre e ActionAid con il contributo della Fondazione Vodafone

Bologna, 28 febbraio 2014

presso la sede della Regione Emilia-Romagna
Terza Torre, viale della Fiera, 8

In tutto il mondo, i diritti delle donne vengono violati, specialmente quando le donne rifiutano l’imposizione di comportamenti e regole ingiusti, non rispettosi della loro volontà. 

Una di queste violazioni riguarda il diritto delle donne a scegliere se, quando e con chi sposarsi: i matrimoni precoci e i matrimoni forzati imposti dalle famiglie infatti trovano profonde radici nelle disuguaglianze di genere, in quegli stereotipi e in quelle leggi che rispecchiano l’idea che la donna debba ricoprire un ruolo sociale tradizionale, subalterno e regolato da modelli patriarcali; infatti il persistere dell’esistenza di queste pratiche è connesso al consenso legato al controllo sociale sul corpo e sulle scelte sessuali delle donne.
Molti Stati, per evitare la condanna internazionale rispetto al fenomeno delle spose bambine, hanno iniziato ad introdurre nelle proprie legislazioni il divieto di celebrare matrimoni precoci, tuttavia i matrimoni forzati trovano ancora legittimazione culturale e giuridica presso vari popoli e nazioni.
Anche in Italia bambine, adolescenti e giovani donne immigrate, spesso nate e cresciute nel nostro Paese, vedono troppo spesso violati i propri diritti da famiglie che scelgono di sottoporle a matrimoni precoci o forzati.
Si tratta di casi che talvolta finiscono alla ribalta della cronaca nera, quando le giovani che tentano di sottrarsi punite con violenze fisiche oppure uccise. O quando tentano il suicidio.
Tuttavia, in molti altri casi le giovani semplicemente spariscono da scuola o dall’Italia, senza che la loro richiesta di aiuto sia stata accolta o senza aver trovato il coraggio di chiedere aiuto.
L’obiettivo del progetto ‘CONTRASTO AI MATRIMONI FORZATI IN PROVINCIA DI BOLOGNA’, promosso da Trama di Terre in collaborazione con Actionaid Italia e finanziato dalla Fondazione Vodafone, è di dare un contributo per una migliore comprensione del fenomeno dei matrimoni forzati e fornire a operatori e operatrici indicazioni e strumenti utili a garantire l’effettiva protezione di donne e bambine, con la consapevolezza di essere solo all’inizio di un percorso complesso, contradditorio e poco o per nulla esplorato in Italia.

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Mattina: Regione Emilia-Romagna, Terza Torre, SALA A

9,00 registrazione partecipanti

9,30 Saluti introduttivi Teresa Marzocchi, Assessora alle Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna
9,45 Saluti introduttivi un rappresentante della Fondazione Vodafone Italia 
10,00 L’impegno di ActionAid contro i matrimoni forzati a livello nazionale e internazionale Beatrice Costa, Capo Dipartimento Programmi ActionAid Italia
10,30 “Altro modo non c’è di prendere l’amore”. Linee guida per il contrasto ai matrimoni forzati Tiziana Dal Pra, Presidente Associazione Trama di Terre
11,00 Matrimoni forzati: l’assistenza legale Barbara Spinelli, avvocata, consulente legale del Centro Antiviolenza di Trama di Terre
11,30 Tutela dei diritti delle donne e delle bambine. Il ruolo del Dipartimento per le Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei MinistriTiziana Zannini, dirigente Ufficio Affari Generali e Sociali del Dip. per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri

12,00 Dibattito

Pomeriggio: Regione Emilia-Romagna, Terza Torre,
SALA POGGIOLI

14,30 ONORE E DESTINO Pratiche e politiche di accoglienza e di tutela contro i matrimoni forzati: esperienze di associazioni europee di donne a confronto

TAVOLA ROTONDA con: Meena Patel, associazione Southall Black Sisters (Londra), Nursel Kilic, Femmes Solidaires, International Free Women Alliance (Parigi), Corinna Ter-Nedden, Centro Papatya (Berlino),Tiziana Dal Pra, associazione Trama di Terre (Imola – BO)
Coordina: Cristina Cattafesta, CISDA (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane).

18,30 Chiusura lavori

Sarà rilasciato un attestato di partecipazione
Evento formativo accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Bologna
E’ stata fatta richiesta di accreditamento come formazione continua all’Ordine degli Assistenti Sociali dell’Emilia Romagna (OASER)

Info: segreteria@tramaditerre.org, 3347311570

Con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna

tratto da http://www.tramaditerre.org

Torna il Pisa Chinese Film Festival

Dal 26 febbraio all’1 marzo torna il festival cinematografico dedicato alla Cina. Quattro giorni fitti di appuntamenti per gli appassionati di cinema cinese.

Torna il Pisa Chinese Film FestivalDal 26 febbraio all’1 marzosi svolge, infatti, la terza edizione del festival cinematografico dedicato alla Cina. Quattro giorni fitti di appuntamenti per gli appassionati di cinema cinese.

Si comincia il 26 febbraio alle 18.30 presso la Stazione Leopoldacon una mostra di sculture, dipinti e installazioni di studenti cinesi dell’Accademia delle Belle Arti di Carrara. Gli studenti saranno anche i protagonisti di una performance, eseguita su un lungo rotolo di stoffa, che richiama alla mente la spettacolare cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Pechino del 2008. Ospite del primo giorno del Pisa Chinese Film Festival sarà Christoph Rehage, uno studente di Monaco che ha girato a piedi la Cina percorrendo 50mila chilometri, documentando la sua impresa con un reportage fotografico che ha fatto il giro della rete.

Le giornate successive saranno scandite dalla proiezione di tre documentari sulla società cinese e le sue trasformazioni. Il 27 febbraio sempre alla Stazione Leopolda alle 19.00 sarà proiettato “Acque torbide”, una coproduzione franco-cinese sull’emergenza idrica in Cina, il 28 febbraio “L’occupazione cinese”, un percorso tra la cultura pratese e la multicultura, e l’1 marzo Cine tempestose. I primi liuxuesheng italiani”, un’indagine sui giovani italiani che andarono a studiare in Cina negli anni Settanta.

Tutte e tre le serate proseguiranno, poi, con la proiezione di tre film. Giovedì 27 in programma “33 postcards” di Pauline Chan, una coproduzione tra Cina e Australia non distribuita in Italia, venerdì 28“One Nite in Mongkok” di Yee Tung-Shin e sabato 1 “La stella che non c’è” di Gianni Amelio.

In programma, invece, due seminari presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa. Al centro del dibattito il celebre documentario “Chung-Kuo, Cina” di Michelangelo Antonioni, una preziosa testimonianza della Cina degli anni Settanta.

Spostandosi, poi, al Dipartimento di Scienze Politiche si può assistere alla proiezione di “Lithium conspiracy”. Dopo il film, previsto un confronto sulle dinamiche della vendita di film italiani in Cina.

Per il programma completo del festival e tutte le informazioni, consultare il sito http://pisachinesefilmfestival.it/

tratto da chinanewsitaly.com